Home Button

Come si paga il diritto annuale

Aggiornamento al 26.09.2013
 
Ai sensi del D.L. 223 del 4.7.2006 (convertito in legge n. 248 del 4.8.2006) Il diritto annuale dovuto alla scadenza ordinaria da ditte individuali,società, unità locali e soggetti R.E.A. preesistenti al 01/01  deve essere obbligatoriamente versato, in unica soluzione, utilizzando il modello F24.
Il diritto annuale per nuove iscrizioni, avvenute in corso d'anno, di ditta individuali,società,unità locali e soggetti R.E.A. può essere versato mediante addebito diretto al momento della protocollazione della domanda stessa.
Se non è stato pagato
contestualmente alla presentazione della pratica, dovrà essere versato nei 30 giorni successivi con modello F24, utilizzando le stesse modalità e codici - descritti di seguito - previsti per l'esazione a scadenza ordinaria; trascorsi i 30 giorni, si dovrà procedere (sempre utilizzando il modello F24) al ravvedimento operoso.
Per compilare correttamente il modello F24 ordinario occorre indicare, con la massima precisione, nella sezione "Contribuente":
• il codice fiscale ( non la partita Iva)
• i dati anagrafici
• il domicilio fiscale dell'impresa.
e nella sezione "ICI / IMU e altri tributi locali":
• il codice ente = sigla provincia della Camera cui il versamento è destinato (CS per Cosenza)
• il codice tributo = 3850;
• l'anno di riferimento = annualità che si deve pagare .
 

 Arrotondamenti
Al fine di determinare l'importo dovuto, nei calcoli intermedi, devono essere utilizzati cinque decimali: l'importo - così determinato - deve essere arrotondato al centesimo di euro con metodo matematico in base al terzo decimale.
Gli importi del diritto annuale da versare mediante modello F24 devono essere infine arrotondati all'unità di euro:
- per eccesso, se la frazione decimale è uguale o superiore a cinquanta centesimi di euro;
- per difetto, se inferiore a detto limite.
È possibile effettuare il versamento in compensazione, ovvero sfruttare per il pagamento del diritto annuale dei crediti che l'impresa ha per altri tributi e/o contributi. (vedi Compensazioni e rimborsi).