fbpx Sportello in Rete per l'accesso al Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione | Camera di Commercio di Cosenza

Il Mercato Elettronico della PA

www.acquistinretepa.it  

NEWS

del 06/05/2022

E' stato prorogato fino alle ore 18.00 del 19 maggio 2022 il termine per effettuare la procedura di pre-abilitazione ai nuovi bandi MePA e SDA.

Per continuare a lavorare sul nuovo sistema di e-procurement, gli operatori economici abilitati al Mercato elettronico e al Sistema dinamico devono effettuare entro tale termine la procedura di pre-abilitazione che consentirà, al momento dell’attivazione dei nuovi bandi, di riprendere ad operare in assoluta continuità sulla nuova piattaforma.

A partire dal 25 maggio, data del go live del nuovo sistema, diventeranno attivi i nuovi bandi del Mercato elettronico e del Sistema dinamico.

Gli operatori economici che non avranno effettuato la pre–abilitazione, per poter operare nuovamente sul Mercato elettronico e sul Sistema dinamico, a partire dal 25 maggio dovranno effettuare una nuova richiesta di abilitazione.

Si invitano pertanto tutti gli operatori economici interessati a consultare la documentazione presente nella sezione dedicata ai nuovi Bandi e a procedere quanto prima alla pre–abilitazione.

Si ricorda, infine, che sono a disposizione molti strumenti di supporto per la pre-abilitazione - dal prototipo navigabile, alla guida operativa, dalle sessioni di formazione gratuite alla formazione on demand - tutti raccolti nel mini sito dedicato al progetto di evoluzione di Acquisti in rete.

NEWS

del 12/04/2022

In vista del go-live della nuova piattaforma, la cui data è stata fissata al 25 maggio, è stato pianificato un periodo di fermo totale del sistema dalle ore 20.00 di venerdì 20 maggio alle ore 8.00 di mercoledì 25 maggio.

Le domande di abilitazione per gli attuali bandi MePA  potranno essere inviate fino a giovedì 19 maggio p.v. alle ore 18.00 (scadenza utile solo nel caso in cui l’abilitazione sia funzionale al perseguimento di specifiche opportunità connesse ad affidamenti diretti previsti per il giorno successivo).

Vi ricordiamo, inoltre, che dall’apertura del nuovo sistema:

  • gli operatori economici abilitati al Mercato Elettronico e al Sistema dinamico, per essere operativi, dovranno effettuare entro l’11 maggio 2022 la pre-abilitazione al nuovo sistema, procedura già disponibile dal 24 gennaio scorso, che consente appunto di rimanere attivi e lavorare con le Pubbliche Amministrazioni sin dal primo giorno di operatività del nuovo sistema
  • i fornitori aggiudicatari di Convenzioni e Accordi quadro continueranno a lavorare in continuità sulle iniziative di propria pertinenza senza dover svolgere altre operazioni

Dal 24 gennaio parte la pre - abilitazione ai nuovi mercati telematici

Nei prossimi mesi prende avvio il progetto di evoluzione della piattaforma di e-procurement Acquistinrete che include la contestuale ripubblicazione dei bandi di abilitazione al Mercato Elettronico e dei bandi di ammissione al Sistema dinamico di acquisizione.

A tal fine saranno pubblicati dei nuovi bandi, sia per il MePA che per lo SDAPA, articolati in categorie di abilitazione nuove, che sostituiranno i bandi al momento attivi.

L’attuale sistema di e-procurement rimarrà attivo fino a maggio 2022, dopodiché, a seguito del “go-live” del nuovo sistema, gli acquisti e le negoziazioni di MePA e SDAPA faranno riferimento esclusivamente ai nuovi bandi.

Per consentire agli operatori economici di operare in continuità e di trasferire tutti i dati dell’impresa, dal 24 gennaio sarà attiva una “procedura di pre-abilitazione” in cui ci si potrà già abilitare alle nuove categorie MePA e SDAPA.

Gli operatori economici:

  1.        che avranno effettuato la pre-abilitazione prima, al momento del go-live del nuovo sistema di e-procurement, potranno riprendere ad operare sul Mercato elettronico e sul Sistema dinamico in assoluta continuità;
  2.        che non avranno effettuato la procedura di pre-abilitazione, al momento della apertura al pubblico del nuovo sistema dovranno effettuare la richiesta di una nuova abilitazione e attenderne l’esito secondo le consuete modalità operative e i tempi di valutazione amministrativa dell’istanza.

Vai a vedere tutte le novità di Acquistinrete

Grazie alla pre-abilitazione, un’unica procedura per entrambi gli strumenti di vendita, gli operatori saranno pronti a ricevere gli ordini e gli inviti alle negoziazioni delle P.A., sin dal primo giorno di apertura del sistema rinnovato, previsto prima dell’estate.

Fino a tale momento tutti gli acquisti delle Pubbliche Amministrazioni continueranno ad avvenire sull’attuale sistema ma, al momento del go-live del nuovo sistema di e-procurement, gli operatori economici che avranno già effettuato la pre-abilitazione potranno operare sul Mercato Elettronico e sul Sistema dinamico in assoluta continuità, così da poter negoziare immediatamente dal momento dell’attivazione dei nuovi bandi.

Nell’ambito della nuova procedura, le categorie di abilitazione sono ancora più numerose rispetto a quelle degli attuali bandi e sono qualificate in modo da consentire una migliore identificazione di una impresa nel mercato, favorendone così la corretta visibilità e consentendo poi una selezione più mirata da parte delle stazioni appaltanti.

Altra novità è la durata delle dichiarazioni rese in sede di abilitazione, che non hanno una scadenza temporale, ma che l’operatore economico è tenuto ad aggiornare tempestivamente qualora dovessero intervenire cambiamenti.

La procedura di pre-abilitazione è semplice e facile da seguire, si tratta di un percorso completamente guidato per il quale è disponibile anche un apposito tool di supporto che accompagna l’utente dal primo all’ultimo step. Sono in ogni caso a disposizione ulteriori strumenti di aiuto - come un video tutorial, un prototipo navigabile, la guida operativa e una mappa di corrispondenza tra le attuali e le nuove categorie di abilitazione dei diversi bandi – tutti raccolti nel mini sito dedicato al progetto di evoluzione di Acquisti in rete.

Praticamente …

La procedura di pre-abilitazione deve essere effettuata dal Legale Rappresentante, registrato su Acquisti in rete. Ed ecco di seguito i passi da compiere:

1.       Consultazione documentazione dei nuovi bandi MePA e SDAPA – Nelle schede riassuntive dei nuovi bandi è presente la documentazione, firmata e non firmata digitalmente, e l’elenco delle categorie per le quali l’impresa può richiedere la pre-abilitazione. Prima di avviare la procedura vera e propria, è bene quindi visionare tale documentazione e individuare le categorie per le quali fare domanda di abilitazione.

2.       Avvio procedura – È possibile iniziare la procedura dalla scheda dei singoli bandi o dal Cruscotto del Legale Rappresentante.

3.       Scelta categoria – Il primo passo da compiere all’interno della procedura vera e propria è la scelta della categoria di abilitazione. Nel caso siano più di una, è possibile aggiungere le altre nel corso della procedura.

4.       Dati e dichiarazioni amministrative – Si inseriscono o confermano, a seconda dei casi, i dati dell’impresa, le dichiarazioni amministrative e i dati e le dichiarazioni del Legale Rappresentante.

5.       Dichiarazioni specifiche categoria – Si compilano le dichiarazioni merceologiche relative alle categorie selezionate.

6.       Riepilogo, conferma e invio – Dopo un riepilogo di tutte le informazioni immesse è possibile inviare la domanda di abilitazione, che può poi essere monitorata attraverso un’apposita sezione del Cruscotto.

 

Gli Sportelli in Rete, attivati in collaborazione con Consip, sono a disposizione per aiutare gli operatori economici sul territorio in questa delicata fase di transizione. L’elenco completo è pubblicato nella sezione Supporto del portale www.acquistinretepa.

 

 

Il Mepa: cos’è

 

Il Mercato Elettronico della PA (MEPA) è uno strumento di eProcurement pubblico, avviato nel 2000 e gestito da Consip S.p.A. per conto del Ministero Economia e Finanze, avente il fine di promuovere un nuovo modello per l’ottimizzazione degli approvvigionamenti pubblici.
In particolare, il MEPA è un mercato interamente virtuale in cui le Amministrazioni acquirenti ed i potenziali Fornitori si incontrano, negoziano e perfezionano on-line contratti di fornitura legalmente validi grazie all’utilizzo della firma digitale.
Sul MEPA, per valori inferiori alla soglia comunitaria, le PA possono cercare, confrontare ed acquisire i beni ed i servizi proposti dagli operatori “abilitati” a presentare i propri cataloghi sul sistema, nel rispetto di formati standard e secondo le regole e le condizioni definite da Consip per ciascun bando merceologico di abilitazione.
Gli acquisti della PA possono essere effettuati secondo 3 modalità:
 Ordine diretto (ODA): acquisto diretto da catalogo, in base alle offerte pubblicate dai fornitori;
 Richiesta di offerta (RdO): modalità di negoziazione grazie alla quale l’Amministrazione può richiedere ai fornitori offerte personalizzate sulla base di specifiche esigenze;
 Trattativa diretta: modalità di negoziazione, semplificata rispetto alla RDO, rivolta ad un unico operatore economico.

Vai nel sito e guarda: tutte le PA che utilizzano il MEPA per i propri acquisti

 

 

 

Le novità introdotte dai decreti sulla spending review

 

 

L’art. 7 co. 2 del decreto n. 52/2012 - disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica - convertito con modificazioni in L. 6 luglio 2012, n. 94, - modifica  il comma 450 dell’art.1 della Legge 296/2006 (Legge Finanziaria 2007) che prevedeva l’obbligo di adesione al Mercato Elettronico della PA per le Amministrazioni Centrali e Periferiche, estendendo tale obbligo alle restanti Amministrazioni pubbliche (di cui all'articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165).

 

 

Il d.l. 6-7-2012 n. 95, convertito in legge 7 agosto 2012, n. 135 all’art. 1, rubricato <Riduzione della spesa per l'acquisto di beni e servizi e trasparenza delle procedure> ha stabilito – a far data dal 15 agosto 2012 - la nullità dei contratti stipulati in violazione dell'articolo 26, comma 3 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 e dei contratti stipulati in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip S.p.A.- a tanto aggiungasi che, tale violazione, costituisce illecito disciplinare ed è causa di responsabilità amministrativa.

 

 

Vai nel sito e guarda la tabella obblighi e facoltà

 

 

 

I vantaggi per gli Operatori Economici nell’utilizzo del MEPA
• utilizzo gratuito della piattaforma;
• utilizzo gratuito del servizio di fatturazione elettronica: le PMI abilitate al MEPA possono usufruire del servizio di fatturazione elettronica (e conservazione sostitutiva), anche per transazioni non effettuate nel MEPA;
• ampliamento del mercato potenziale nell’ambito della PA, della visibilità della propria offerta e rafforzamento della presenza a livello territoriale;
• diminuzione di tempi e costi di vendita derivante dalla riduzione dei costi di intermediazione e di gestione del processo di vendita
• garanzia di maggior trasparenza nelle procedure di gara grazie anche ad una autoregolamentazione spontanea dell’offerta in cui “tutti vedono e si confrontano con tutti”;
• aggiornamento della propria offerta: è sempre possibile modificare il proprio catalogo, aggiungere o togliere offerte, modificare prezzi e condizioni, ecc.

Vai nel sito e guarda: quali imprese già utilizzano il Mepa per vendere alle PA

 

 

Cosa puoi vendere con il MEPA
I beni e servizi che è possibile offrire alle PA tramite il Mepa sono organizzati in Categorie merceologiche
riconducibili a due bandi, che raccolgono un ampio numero di offerte.
Bando Beni
1. Arredi
2. Attrezzatura e segnaletica stradale
3. Attrezzature sportive, musicali e ricreative
4. Cancelleria, carta, consumabili da stampa e prodotti per il restauro
5. Carburanti, combustibili, lubrificanti e liquidi funzionali
6. Forniture specifiche per la Sanità
7. Impianti e Beni per la produzione di energia da fonte rinnovabile e per l'efficienza energetica
8. Informatica, elettronica, telecomunicazioni, macchine per ufficio
9. Libri, prodotti editoriali e multimediali
10. Macchinari, soluzioni abitative e strutture logistiche
11. Materiali elettrici, da costruzione, ferramenta
12. Prodotti alimentari e affini
13. Prodotti cimiteriali e funebri
14. Prodotti monouso, per le pulizie e per la raccolta rifiuti
15. Prodotti per il verde e per il Vivaismo
16. Ricerca, rilevazione scientifica e diagnostica
17. Tessuti, indumenti (DPI e non), equipaggiamenti e attrezzature di sicurezza/difesa
18. Veicoli e forniture per la mobilità

Bando Servizi
1. Servizi agli Impianti (manutenzione e riparazione)
2. Servizi audio, foto, video e luci
3. Servizi bancari
4. Servizi cimiteriali e funebri
5. Servizi commerciali vari
6. Servizi di amministrazione e mediazione immobiliare
7. Servizi di assistenza, manutenzione e riparazione di beni e apparecchiature
8. Servizi di conservazione digitale
9. Servizi di firma digitale e marca temporale
10. Servizi di formazione
11. Servizi di gestione dei rifiuti speciali
12. Servizi di informazione, comunicazione e marketing
13. Servizi di interazione utenza
14. Servizi di logistica (traslochi, facchinaggio, movimentazione merci, magazzino, gestione archivi)
15. Servizi di manutenzione del verde pubblico
16. Servizi di monitoraggio ambientale e sanitario
17. Servizi di organizzazione eventi
18. Servizi di organizzazione viaggi
19. Servizi di Pulizia degli immobili, disinfestazione e sanificazione impianti
20. Servizi di pulizia delle strade e servizi invernali
21. Servizi di ricerca, selezione e somministrazione del personale
22. Servizi di riscossione
23. Servizi di ristorazione
24. Servizi di stampa e grafica
25. Servizi di supporto specialistico

26. Servizi di telefonia e connettività
27. Servizi di trasporto e noleggio
28. Servizi di valutazione della conformità
29. Servizi di vigilanza e accoglienza
30. Servizi di voucher sociali
31. Servizi PEC (Posta Elettronica Certificata)
32. Servizi per l'Information & Communication Technology
33. Servizi per la gestione dell’energia
34. Servizi postali di raccolta e recapito
35. Servizi professionali - architettonici, di costruzione, ingegneria, ispezione e catasto stradale
36. Servizi professionali al patrimonio culturale
37. Servizi professionali attuariali
38. Servizi professionali di consulenza del lavoro
39. Servizi professionali di revisione legale
40. Servizi professionali fiscali e tributari
41. Servizi professionali legali e normativi
42. Servizi sociali
43. Servizi sostitutivi di mensa tramite buoni pasto
44. Servizio di realizzazione spettacoli pirotecnici
45. Servizi Professionali di Progettazione e Verifica della progettazione di opere di Ingegneria Civile
46. Servizi sanitari – Servizi di sorveglianza sanitaria
47. Servizi professionali di ingegneria informatica e telecomunicazioni
E’ inoltre possibile richiedere l’abilitazione per uno dei seguenti bandi aventi ad oggetto “Lavori di manutenzione”, ordinaria e straordinaria, nel settore dei lavori pubblici:

1. Lavori di manutenzione - Edili
2. Lavori di manutenzione - Stradali, ferroviarie ed aerei
3. Lavori di manutenzione - Idraulici, Marittimi e Reti Gas
4. Lavori di manutenzione - Impianti
5. Lavori di manutenzione - Ambiente e Territorio
6. Lavori di manutenzione - Beni del Patrimonio Culturale
7. Lavori di manutenzione - Opere Specializzate

Vai nel sito e guarda: tutti i beni e servizi per cui puoi richiedere l’abilitazione

 

Chi può abilitarsi al MePA
Possono richiedere l’abilitazione al MePA tutti gli Operatori economici (imprese, liberi professionisti, alcuni tipi di consorzi e reti di impresa) che possono partecipare a procedure di affidamento dei contratti pubblici. Per ciascuno sono ammessi ad operare nel Mercato Elettronico diversi Legali Rappresentanti, qualora siano dotati dei necessari poteri.
Condizione necessaria per potersi abilitare è offrire un bene/servizio riconducibile ad uno dei CPV indicati all’interno dei capitolati tecnici dei bandi pubblicati, o effettuare un lavoro di manutenzione, ordinaria o straordinaria.

 

 

Cosa devi fare per abilitarti al Mepa

 

Per abilitarsi al Mepa occorrono un PC, la connessione ad Internet, la firma digitale e una casella di posta elettronica certificata. Laddove previsto dal capitolato, potrà essere necessario inserire un catalogo (almeno una riga).
Nel corso della procedura di abilitazione verranno richieste anche dichiarazioni relative al fatturato ma l’importo dichiarato non è comunque vincolante ai fini dell’abilitazione.
Nel caso in cui ad abilitarsi sia un’impresa dovranno inoltre essere fornite, tra le altre, informazioni relative ai dati di Iscrizione all’INPS, la Posizione Assicurativa Territoriale - P.A.T. e il CCNL del Settore (se applicabile).

Le imprese che vogliono abilitarsi presso lo sportello dovranno essere munite di:

 

§  Kit di firma digitale (smart card) del legale rappresentante e pin; Lettore smart card compatibile con la firma; ovvero Business Key;

§  La visura camerale per indicare i dati identificativi dell'impresa: la sede legale, i dati del registro imprese, Amministratori, Poteri, l’oggetto sociale.

§  Dati di Iscrizione all’INPS per indicare la Matricola aziendale INPS;

§  Dati di Iscrizione all’INAIL per indicare il Codice Ditta INAIL e la Posizione Assicurativa Territoriale - P.A.T.;

§  CCNL applicato ed il Settore;

§  Verranno richieste inoltre le seguenti dichiarazioni

§  Fatturato specifico relativo all'anno precedente la richiesta;

§  1 catalogo cartaceo/elettronico con i prodotti che si vogliono inserire nel catalogo on line

 

 

Vai nel sito e guarda: quali sono gli Sportelli più vicini a te

 

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni sul funzionamento del MePA e sulle procedure di abilitazione è possibile visitare il sito del Mercato Elettronico oppure contattare i responsabili dello "Sportello in Rete" ad uno dei seguenti recapiti:  

 

Dott.ssa Filomena Costa
Tel. 0984.815.258
E-mail filomena.costa@cs.camcom.it