fbpx Bando Dop e IGP - II Edizione | Camera di Commercio di Cosenza

Bando Dop e IGP -  II Edizione

Bando Risparmio Energetico e Riuso dei Materiali - IV Edizione

 

 

 

Bando Stato Stanziamento # Domande Presentate # Domande Ammesse Importo Concesso Importo Liquidato Importo ancora disponibile
Bando Dop e IGP - II Edizione Attivo  € 50.000    
€27.157,22
  €22.842,78

 

 

 

Con il  Bando Dop e IGP - II Edizione, puoi ottenere un contributo fino a € 5.000 per aderire ai sistemi di certificazione DOP e IGP al fine di aumentare la competitività sui mercati nazionali ed internazionali delle filiere dei prodotti certificati.


A chi è destinato il bando

Puoi partecipare al bando se la tua impresa è una Micro Piccola o Media Impresa (MPMI).

Occorre che tu sia in regola o disposto a regolarizzare eventuali pendenze nei confronti della Camera di Commercio.

Occorre tu sia in regola con la posizione contributiva e previdenziale. 

Ciascuna impresa potrà ottenere un solo voucher nel limite massimo di Euro 5.000,00 (cinquemila euro). 

La percentuale del contributo è fissata al 40% della spesa ammissibile qualora l’incremento sia riferito a produzioni IGP; la percentuale del contributo sarà del 50% della spesa ammissibile se riferito a produzioni DOP.

Le precentuali di contributo sono incrementate del 10% rispettivamente nel caso di Imprenditore (ditta individuale) oppure di socio (nel caso di società) diversamente abile (portatore di handicap così come definito dall’art.3 della legge n°104 del 5 febbraio 1992.


Quali spese sono ammesse

Le spese devono esser sostenute per conseguire la certificazione esclusivamente nelle categorie D.O.P e I.G.P presenti nell'elenco delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette (DOP), delle indicazioni geografiche protette (IGP) pubblicato sul sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MIPAAFT), ovvero:

  1. Costi indiretti: consistono nell’insieme dei costi sostenuti per ottenere la certificazione di prodotto della Denominazione di origine o dell'Indicazione geografica, generalmente di natura fissa (indipendenti dal volume di produzione), che riguardano ad esempio consulenze ad esperti (enologi, tecnologi, agronomi);
  2. Costi diretti: sono costi legati alle attività inerenti la produzione dei prodotti certificati ai vari livelli endoprocedurali della filiera: ad esempio costi del personale addetto alla manutenzione dei terreni adibiti alle coltivazioni e alle relative piante, costi per prodotti per la sanificazione ammessi dalle normative e dai disciplinari di produzione, costi per le attività di raccolta, di estrazione e tutti quei costi legati al ciclo produttivo del prodotti certificati; costi per il confezionamento ed etichettatura del prodotto;
  3. Costi complementari, ossia spese (come le quote associative) sostenute dalle imprese per ottenere i servizi di promozione e tutela erogati dai Consorzi di tutela e promozione (che abbiano riconoscimento ministeriale in corso di validità per l’anno di rifermento del bando).

Cosa occorre per partecipare

  1. Scarica il modello di domanda, compilalo, trasformalo in formato PDF e firmalo con la tua firma digitale.
  2. Trasforma in formato PDF e firma digitalmente anche questi documenti (anche in un unico file)
    • Richiesta di registrazione nella filiera (nuova iscrizione). I soggetti che sono già iscritti da più annualità devono allegare la visura emessa dall’ente certificatore, attestante le quantità di prodotto certiificato e/o afferente alla filiera di produzione DOP/IGP, ovvero autocertificare tali quantità, indicando la struttura di certificazione e autorizzando la Camera di Commercio di Cosenza ad effettuare i controlli presso la struttura di certificazione indicata.
    • I documenti di spesa ammissibili di cui all’art. 5 del bando (fatture, cedolini, Buste paga, altri documenti fiscali)

    • La documentazione di tracciabilità dei flussi finanziari (estratti conto attestanti le “uscite” finanziarie per i pagamenti effettuati)

    • Pagamento digitale della imposta di bollo mediante i servizi @e.bollo e pagoPA o pagamento mediante Modello F23 (Codice ente: TDF -Codice tributo: 456T- Descrizione: Imposta di bollo -Importo: 16 euro) 

    • Registrati al servizio Telemaco su www.registroimprese.it 

 


Come partecipare

Presenta la tua domanda dalle ore 09:00 del 04/03/2021 fino alle ore 21:00 del 30/06/2021*

*AVVISO DI PROROGA: il nuovo termine di presentazione della domanda è il 30/10/2021

Partecipare è semplice. E' sufficiente accedere al servizio Telemaco su www.registroimprese.it e seguire questi pochi passaggi:

  1. Vai a Sportello Pratiche -> Servizi e-gov -> Contributi alle imprese -> Crea modello -> Avvia compilazione
  2. Compila i campi richiesti
  3. Scarica il file prodotto dal sistema, firmalo digitalmente e riallegalo come richiesto
  4. Clicca sulla funzione "Nuova" per creare la pratica
  5. Clicca sulla funzione "Allega" e allega i documenti che hai preparato
  6. Invia la pratica

Per maggiori informazioni

Puoi contattarci all'email versoleimprese@cs.camcom.it 
oppure ai numeri 0984.815.265-254-222-259


 

Stato Avanzamento Bando

Hai partecipato al Bando? La tua opinione è importante per noi! Compila questo questionario.

I Graduatoria di Concessione: Con determinazione dirigenziale n. 104 del 18 Marzo 2021 è stata approvata la prima graduatoria di concessione del Bando DOP e IGP  - II edizione

I Graduatoria di Liquidazione: Con determinazione dirigenziale n. 178 del 13 Maggio 2021 è stata approvata la prima graduatoria di liquidazione del Bando DOP e IGP  - II edizione

II Graduatoria di Liquidazione: Con determinazione dirigenziale n. 182 del 14 Maggio 2021 è stata approvata la seconda graduatoria di liquidazione del Bando DOP e IGP  - II edizione

 


 

 

 

I Documenti Ufficiali


FAQ

In merito all'indicazione contenuta nel bando "E' previsto che possano partecipare le imprese che non siano state beneficiarie di altri bandi della Camera di commercio nelle annualità 2018 - 2019 - 2020". Il riferimento all'annualità è relativo alla data di erogazione del contributo o alla data di partecipazione al bando?

 
Il requisito per le imprese beneficiarie (che abbiamo cioè ottenuto la liquidazione) fa riferimento alla data in cui è maturato il diritto alla concessione (data approvazione della graduatoria di concessione) e non alla data in cui il contributo è stato erogato, non rilevando la data di presentazione della domanda di partecipazione la bando.

 

 #VersoLeimprese