fbpx Cancellazione protesti | Camera di Commercio di Cosenza

REGISTRO INFORMATICO DEI PROTESTI - Cancellazione

La legge n. 235 del 18 Agosto 2000 contiene la nuova normativa in materia di cancellazione di protesti di vaglia cambiario (cambiale) e di cambiale tratta (accettata).
E’ possibile presentare le istanze di cancellazione dal registro dei protesti nei seguenti casi:
1. se entro il termine di 12 mesi dalla levata del protesto, il debitore esegue il pagamento della cambiale o del vaglia cambiario, oltre agli interessi maturati, alle spese del protesto, del precetto ed eventualmente della procedura esecutiva promossa;
2. se il protesto è stato levato illegittimamente o erroneamente nell’ipotesi di cui all’art.4, comma 2 della legge 77/1955.
Qualora il debitore abbia pagato oltre i 12 mesi può ottenere, in luogo della cancellazione, l’annotazione dell’avvenuto pagamento accanto al proprio nominativo.

1)      COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI CANCELLAZIONE PROTESTO CAMBIARIO
a) domanda compilata (completa di firme del titolare del protesto, un numero di telefono ed una eventuale mail) e una marca da bollo cartacea da € 16.00
b) cambiali originali
c) documento di riconoscimento del titolare
d) liberatoria creditore+ documento di riconoscimento
e) ricevuta di versamento dei diritti di segreteria (€ 8.00 per ogni titolo da cancellare)
f) eventuali altri documenti (es. riabilitazione tribunale, documento del delegato, ecc)
 
MODALITA' D'INVIO DELLA DOMANDA
Inviare mediante posta o corriere indirizzando la domanda a Camera di Commercio_ufficio protesti_ via Calabria 33-87100 Cosenza
 
COSTI
Diritti di Segreteria:  € 8 per ogni titolo da cancellare (cambiale/assegno bancario) pagabili in autonomia da PAGOPA
Imposta di bollo: € 16 marca da bollo,anche virtuale, per ogni domanda, pagabile da PAGOPA  

MODALITA' DI PAGAMENTO 

Dal 1° marzo 2021 tutti i pagamenti dovuti alla Pubblica Amministrazione, tra cui la Camera di Commercio di Cosenza, dovranno essere eseguiti con il sistema PagoPA.
Non potranno, quindi, più essere effettuati in favore dell'Ente pagamenti a mezzo bonifico su conto corrente bancario o postale.
 
1)L'utente potrà effettuare il pagamento del servizio richiesto creando in autonomia un avviso PAGOPA, pagabile contestualmente on line, con la modalità desiderata
(con carta, bancomat pay, poste pay, conto corrente bancario/postale, paypal, satipay, ecc. ecc) dal sito https://pagamentionline.camcom.it/Autenticazione?codiceEnte=CCIAA_CS   
 Per procedere al pagamento occorrerà compilare un apposito form indicando le voci della tabella seguente, oltre a  quelli del pagante e procedere poi al pagamento con una delle modalità indicate
dal sistema

MODALITA’ DI COMPILAZIONE AVVISO PAGOPA

https://pagamentionline.camcom.it/Autenticazione?codiceEnte=CCIAA_CS

Tipologia di servizio

“Servizio”

Causale

Importo

Note

Pratica cancellazione protesti cambiari

Protesti

(Scrivere nel testo libero)

Pratica cancellazione protesto cambiario

Indicare:

  • (se impresa) denominazione impresa e codice fiscale-

 

  • (se persona fisica) nome, cognome e codice fiscale

 

 

 

Diritti di segreteria:
€ 8 a titolo (cambiale)
Imposta di bollo:
€ 16 a domanda
 
NB nell’importo dell’avviso indicare il totale dell’importo dei titoli e dell’imposta di bollo

 

(es. se ho due cambiali da  cancellare in un’unica domanda l’importo totale da indicare è € 32)

Per ulteriori informazioni

http://www.cs.camcom.gov.it/it/content/service/registro-informatico-dei-protesti

 
 
2) In alternativa all'emissione dell'avviso spontaneo, l'utente potrà inoltrare una richiesta alla mail protesti@cs.camcom.it per l'emissione dell'avviso di pagamento PagoPA 
L’ufficio, in base al servizio richiesto, emette l'aviso di pagamento PagoPA: Il richiedente riceverà una mail automatica con l’importo dovuto e le modalità di pagamento, canali online o fisici resi disponibili dai Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), come ad esempio le agenzie di banca, home banking, gli sportelli ATM, i punti vendita SISAL, Lottomatica e Banca 5, portale Iconto, app IO.it
Dopo aver effettuato il pagamento darà riscontro sulla mail protesti@cs.camcom.it

 


Provvedimento di cancellazione

Accertata la regolarità del procedimento e la presenza di tutti gli elementi necessari, il Segretario Generale della Camera di Commercio dispone la cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti.

Il provvedimento di cancellazione deve essere disposto entro venti giorni dalla presentazione dell'istanza.

La registrazione nel Registro Informatico dei Protesti è effettuata entro e non oltre cinque giorni dalla pronuncia del provvedimento in parola.


Ricorsi

L'istanza può essere rigettata qualora manchino i documenti richiesti previsti per legge e l'interessato può ricorrere all'autorità giudiziaria, che in questo caso è individuata nel Giudice di Pace.

Nel caso di accoglimento del ricorso, il Giudice di Pace ordina alla Camera di Commercio la cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti.

 

 

 

Tag: 
Cancellazione Protesti